ed. 2011

Contaci2_alta_950

Dopo il successo della prima edizione, il 7 e 8 Ottobre 2011, nel contesto di Città Studi Biella, torna CONTACI – Convivere con il tumore: studi, progetti, esperienze. CONTACI, nato dall’esigenza di far emergere i progetti e le esperienze in grado di affrontare sia l’aspetto clinico, sia la prospettiva umana della malattia, si ripropone come luogo di incontro, di confronto e di scambio tra operatori e pazienti per condividere idee e strumenti per determinare i valori dell’oncologia, al fine di trovare nuove strade per ottenere un sensibile miglioramento della qualità della vita.

Tumore: odissea o percorso organizzato? Proposte tra ospedale e territorio, dalla diagnosi al dopo-cura.

 

 

01

 

L’aumento dei malati di cancro, la cronicizzazione della malattia dovuta all’efficacia delle terapie antitumorali, la carenza di una rete di assistenza parentale e sociale intorno al malato, l’aumento di servizi specialistici in cui è sempre più complesso orientarsi pongono problematiche sanitarie ed organizzative che devono adeguarsi alla nuova complessità della patologia oncologica.

La malattia oncologica impone la riorganizzazione della propria vita, il malato, quindi, necessita di qualcuno che lo guidi, che si occupi dei suoi problemi sanitari, che lo accolga e lo aiuti ad affrontare i momenti di crisi.

L’integrazione delle diverse professionalità, la stretta collaborazione fra le strutture sanitarie e sociali deputate alla prevenzione, alla terapia, alla riabilitazione e al supporto si concretizza nella definizione di specifici percorsi che si sviluppano in vari luoghi di cura.

Dopo una diagnosi di tumore, il paziente è smarrito e comincia un’odissea fra servizi, ambulatori, visite, esami, prescrizioni, consulti, in un percorso che da odissea dovrebbe trasformarsi in un percorso organizzato in cui la strada è segnata da percorsi definiti, chiari, in cui il paziente non è lasciato a se stesso, ma guidato. Per questo, la tematica affrontata in questa edizione 2011 è la continuità assistenziale intesa come una rete di servizi ospedale-territorio che prenda in carico il cittadino/paziente a partire dallo screening fino al follow-up/cure palliative.

 

 

GLI OBIETTIVI

  • Favorire la continuità assistenziale e socio-sanitaria fra servizi ospedalieri e territoriali;
  • proporre la definizione di protocolli terapeutici e assistenziali nelle fasi critiche della malattia avanzata;
  • comprendere l’esigenza di pazienti e familiari per essere in grado di anticiparne i bisogni e creare servizi ad hoc;
  • realizzare un concreto coordinamento degli interventi dal lato professionale, istituzionale e gestionale dei diversi settori, impegnati nell’erogazione dei servizi rivolti ai malati oncologici;
  • semplificare, anche attraverso proposte legislative, la burocrazia del processo/percorso di cura.

 

 

A CHI SI RIVOLGE

CONTACI si rivolge a malati, familiari, medici, infermieri, psicologi, assistenti sanitari, volontari, aziende, associazioni, enti. Un confronto aperto e paritario tra i numerosi attori. A questa edizione, in particolare, invitiamo anche gli operatori sociali e le relative istituzioni proprio perchè parte integrante del percorso del malato.

 

 

COME SI SVOLGE

Anche quest’anno CONTACI si articola in due momenti paralleli, tra loro complementari:
Il convegno. Si articola secondo i momenti del percorso del malato oncologico: diagnosi, cura, riabilitazione, controlli/cure palliative. All’interno di questi momenti portano la loro esperienza e i loro progetti sia gli operatori sia i pazienti, per un momento di confronto discussione.

Esposizione. Mostra dei progetti: strutture sanitarie, associazioni di volontariato, enti, cooperative socio-sanitarie e altri soggetti sono presenti a CONTACI attraverso i loro progetti illustrati mediante poster. Stand: la varietà delle presenze espositive assicura un’ampia rappresentatività delle diverse realtà commerciali, culturali e istituzionali attive nel settore: aziende, imprese, ricerca, laboratori, associazioni, servizi, enti, istituzioni, formazione.

 

 

GLI SPAZI

L’evento si svolge presso Città Studi Biella, un contesto particolarmente adeguato sia alle specifiche esigenze del convegno quanto a quelle dell’esposizione, e si avvale delle competenze scientifiche e professionali della Rete Oncologica del Piemonte e Valle d’Aosta, del dipartimento di Oncologia di Biella e dei contributi di specialisti del settore.

Il paziente conta sulla competenza del personale sanitario e questo a sua volta può contare sulla fiducia del paziente. Entrambi contano sulle professionalità assistenziali e sulle terapie per ottenere un sensibile miglioramento della qualità della vita.
Contaci anche tu.
 
 
Lettera di Oscar Bertetto – Direttore Dipartimento Rete Oncologica del Piemonte e della Valle d’Aosta

Lettera di Sergio Crispino – Presidente CIPOMO

 

Contenuti 2011

 

View File-64(1)Programma scientifico View File-64(1)Progetti 2011 View File-64(1)La biblioteca di CONTACI
Sell-64Gli organizzatori Conference-64I partner 2011 Market Square-64Espositori 2011
Il diario di Contaci Audio Wave-64Per dar voce al paziente Picture-64GALLERIA FOTOGRAFICA 2011