Convegno 2015 – 3a edizione

Negli ultimi decenni la tecnologia ha permesso alla medicina di compiere enormi progressi: oggi possiamo osservare fenomeni complessi, scoprire alterazioni microscopiche, correggere difetti fisici ancora prima della nascita, agire a livelli molecolari.
 
Ma l’impiego di strumentazioni sofisticate comporta anche il rischio di allontanare i curanti dai loro assistiti. Gli antichi gesti dell’arte medica fatta di contatti sembrano perdere interesse e significato.
 
CONTACI si propone di riportare al centro della cura gli aspetti meno appariscenti ma altrettanto importanti della medicina: l’ascolto, l’empatia, i servizi organizzati in funzione dei bisogni dei malati, le “piccole cose” che fanno la differenza in una buona assistenza.
 
Anche tu puoi contribuire al progetto CONTACI inviando progetti concreti.
 
 
Mario Clerico
Direttore Dipartimento di Oncologia