Comunicato Stampa

“CONTACI 2015”: AD OTTOBRE LA TERZA EDIZIONE

DELLA MOSTRA-CONVEGNO NAZIONALE SULL’ONCOLOGIA

 

L’evento, che si terrà a Città Studi di Biella, si propone come luogo d’incontro e di confronto tra pazienti, famigliari, operatori, associazioni ed enti per “far pensare” sui bisogni dei pazienti e dei curanti

 

CONTACI 2015

 

L’ Associazione “Emanuele Lomonaco – Far Pensare”, insieme ad ASL BI, Rete Oncologica del Piemonte e Valle d’Aosta, CIPOMO (Collegio Italiano Primari Oncologi Medici Ospedalieri) e Fondazione Edo ed Elvo Tempia, organizzano la terza edizione di “CONTACI”, un evento nazionale dedicato a tutti coloro che, nel nostro Paese, vivono l’esperienza della malattia oncologica.

 

Le due precedenti edizioni di questa iniziativa, che si sono svolte rispettivamente nel 2010 e nel 2011, sono state premiate con una medaglia da parte del Presidente della Repubblica, proprio per il loro valore.

 

CONTACI 2015 si svolgerà venerdì 2 e sabato 3 ottobre, a Città Studi di Biella, e consta di tre parti:

 

  • il convegno, dove saranno approfonditi temi sulla Medicina che cambia, insieme a cittadini “esperti per esperienza”;
  • i laboratori esperienziali, che coinvolgeranno i partecipanti sulla gestione della terapia, su alcune modalità di prevenzione dei tumori e sulla resilienza dei pazienti;
  • la mostra, dedicata ai progetti di miglioramento dell’assistenza ai malati oncologici, cui tutti possono partecipare inviando la propria esperienza.

 

Mario Alberto Clerico, Direttore della Struttura Complessa di Oncologia dell’ASL BI e Segretario del CIPOMO, spiega: «“CONTACI” nasce dalla considerazione che la malattia oncologica non colpisce solo la singola persona, ma tutto il nucleo famigliare, modificando gli equilibri e stravolgendo la quotidianità. Una buona assistenza deve, pertanto, essere globale, attenta alle cure, ma anche al sostegno del malato e della sua famiglia. A questo sono chiamati il personale sanitario, le associazioni e gli enti che si occupano della patologia oncologica. “CONTACI” vuole essere dunque il luogo di incontro e di confronto tra pazienti, famigliari, operatori, associazioni ed enti per riflettere sui loro bisogni. Non uno spazio per ostentare la propria bravura, ma un luogo per mettersi in discussione e capire se stiamo percorrendo la giusta direzione».

 

Gli argomenti in programma nelle giornate del 2 e 3 ottobre saranno numerosi e riguarderanno sia il ruolo degli operatori, impegnati quotidianamente nella ricerca e nella cura del cancro, sia il ruolo attivo dei pazienti nella terapia medica. Inoltre, si dibatterà su come scelte alimentari e stili di vita dei cittadini giochino un ruolo importante nella prevenzione della patologia. Questa tematica, da sempre sostenuta dalla Fondazione Edo ed Elvo Tempia, è oggi di particolare attualità e sarà interamente gestita proprio con la Fondazione, che con il suo Direttore Generale, Pietro Presti, commenta così: «L’esperienza di “CONTACI” rappresenta una grande opportunità a livello nazionale per mettere a confronto tematiche che riguardano il mondo dell’Oncologia sotto diverse prospettive in modo integrato e multidisciplinare. Pazienti, medici, operatori sanitari, infermieri, psicologi, rappresentanti della società civile e istituzionale potranno trovare nel prossimo convegno spunti, riflessioni e idee per migliorare gli attuali contesti di prevenzione, cura e sostegno ai malati e alle loro famiglie. Anche per questa edizione, il ruolo della Fondazione Tempia sarà di partnership negli ambiti della prevenzione e dell’assistenza, portando la propria esperienza ultratrentennale nel mondo di “CONTACI”».

 

Una sessione del convegno sarà dedicata anche al paziente “autore della cura”, con riferimenti specifici alla medicina narrativa, alla musicoterapia e all’esercizioterapia. Nella giornata di sabato 3 ottobre verranno poi illustrati i migliori progetti in ambito oncologico presentati da ospedali, associazioni, fondazioni, enti, selezionati da un’apposita commissione costituita da rappresentanti delle diverse professioni e dei pazienti.

 

IL RESTYLING DEI SITI WEB DI “CONTACI”, DEL DIPARTIMENTO DI ONCOLOGIA DI BIELLA E DELL’ASSOCIAZIONE “EMANUELE LOMONACO – FAR PENSARE”.

 

Patrizia Tempia, Presidente dell’Associazione “Emanuele Lomonaco – Far Pensare”, nonché Responsabile della Struttura Semplice Psicologia Ospedaliera dell’ASL BI, spiega: «Organizzando “CONTACI 2015”, abbiamo provveduto anche al rifacimento del sito internet contaci.org, che contiene il programma e le informazioni utili per partecipare alla mostra-convegno di ottobre. Il sito accoglierà anche i progetti che verranno inviati in occasione di questa edizione e permette di consultare quelli delle precedenti (i 76 dell’edizione 2010 e i 71 progetti dell’edizione 2011)».

Il sito fa parte di un più ampio progetto di comunicazione e comprende quello del Dipartimento di Oncologia (oncologiabiellese.org) e dell’Associazione “Emanuele Lomonaco – Far Pensare” (farpensare.org): «L’associazione, infatti, è fortemente impegnata nel proporre riflessioni sull’assistenza di due situazioni paradigmatiche della Medicina: l’Oncologia e la Psichiatria, che rappresentano la sofferenza del corpo e della mente», conclude Tempia.

 

“CHEMIOCREATICO”: LE OPERE D’ARTE

 

Con la presentazione della mostra-convegno, è stata inaugurata oggi una delle due opere dell’artista biellese Rosita Cupertino, realizzate con i tappi colorati dei farmaci chemioterapici utilizzati nella vecchia sede dell’Ospedale degli Infermi. Le opere, rispettivamente dal titolo “Chemiocreatico opera prima” e “Chemiocreatico inside”, misurano 1,9×1,9 metri ciascuna. Ogni installazione è stata realizzata utilizzando ben 10.000 tappi di farmaci chemioterapici raccolti dagli operatori dell’Oncologia biellese. Le installazioni verranno pertanto donate alla Struttura Complessa di Oncologia dell’ASL BI: «E’ importante per me che questi tappi tornino nella sede in cui hanno iniziato il proprio percorso -spiega Cupertino-. Utilizzarli per le mie installazioni è stato un modo per rendere omaggio a chi, in questi tappi, ha riposto le proprie speranze di guarigione».

 

Per “CONTACI 2015”, Cupertino sta lavorando ad una nuova installazione, “Chemiocreatico outside”, di grandi dimensioni (5×2 metri): «Il punto di partenza è una cellula tumorale “calpestabile” da cui si svilupperà un bosco. Considerate le dimensioni dell’opera arriverò ad utilizzare ben 100.000 tappi e ciò sarà reso possibile dal fatto che questi piccoli oggetti colorati provengono ormai dagli ospedali di tutta Italia».

 

Biella, 10/04/2015

 

Ufficio Pubbliche Relazioni Accessibilità e Comunicazione

S.C. Formazione e Comunicazione ASL BI

Azienda Sanitaria Locale BI – Biella

Tel. 015-15153920

Twitter: @ASLBiella @OspedaleBiella

 

Youtube: http://www.youtube.com/user/aslbiella

Pinterest: http://www.pinterest.com/OspedaleBiella/